Le Gorgoni e la magia delle pietre.

Le mitiche Gorgoni sono strettamente connesse al potere della Luna e al femminile sacro. Le Gorgoni erano mostri della mitologia greca, erano tre sorelle: Steno, Euriale e Medusa. Di aspetto mostruoso, avevano ali d’oro, mani con artigli di bronzo, zanne di Arpia e serpenti al posto dei capelli e chiunque le guardasse direttamente negli occhi rimaneva pietrificato. La gorgone più importante era Medusa, unica mortale fra le tre e loro regina che, per volere di Persefone era la custode degli Inferi. Le Gorgoni rappresentavano la perversione nelle sue tre forme:

Euriale rappresentava la perversione sessuale, Steno la perversione morale e Medusa la perversione intellettuale.

Il mito narra che Perseo, avendo ricevuto l’ordine di consegnare la testa di Medusa a Polidette, signore dell’isola di Serifo, si recò prima presso le Graie, sorelle delle Gorgoni, costringendole a indicargli la via per raggiungere le Ninfe. Da queste ricevette dei sandali alati, una bisaccia e un elmo che rendeva invisibili, doni ai quali si aggiunsero uno specchio da parte di Atena e un falcetto da parte di Ermes.

Così armato, Perseo volò contro le Gorgoni e mentre erano addormentate guardandone l’immagine nello specchio divino di Atena per evitare di rimanere pietrificato, tagliò la testa a Medusa e la chiuse subito nella bisaccia delle Graie. Dal tronco decapitato di Medusa uscirono insieme ai fiotti di sangue, il cavallo alato Pegaso e Crisaore, padre di Gerione. Perseo donò la testa della gorgone alla dea Atena la quale la fissò al centro del proprio scudo per terrorizzare i nemici.

Le Gorgoni erano di una bellezza mozzafiato, la loro voce ammaliava ogni mortale che ne udiva il canto. Il guaio di queste sorelle è che non appena si incrociava lo sguardo di una delle tre essa subiva una metamorfosi terribile:

Improvvisamente i loro capelli si agitavano rivelandosi velenosi serpenti, la bocca si apriva liberando una lingua biforcuta e il corpo si ricopriva di scaglie. Il malcapitato diveniva un mucchietto di cenere o restava pietrificato. Queste creature hanno da sempre un affinità con le pietre, vivono presso il fiume del mondo tra le rocce, hanno imparato a gestire questa energia e come loro vivono fuori dal tempo. Il loro sguardo pietrifica perché esse liberano attraverso questo colpo la coscienza della vita e della morte, della schiavitù e della libertà. Il pietrificarsi è un irrigidirsi nel riconoscere. Il tempo si ferma, addirittura non esiste più. Assieme a queste figure possiamo imparare il potere delle pietre.

La magia delle pietre.

Attraverso le passeggiate in qualsiasi luogo è possibile trovare sul nostro sentiero delle pietre e imparare a leggere i messaggi che rappresentano un altro tempo. Mentre gli esseri viventi sono noti per avere bisogno di nutrimento, le pietre comuni non hanno bisogno di nulla; non fanno nulla e ciò nonostante in loro è assopita una forza sovrannaturale. Nelle pietre si realizza l’immutabilità, In tutte le culture le pietre hanno da sempre avuto uno speciale significato. Non solo le pietre preziose, ma soprattutto le pietre semplici, poco note.

La pietra forata per esempio porta fortuna e protegge dagli incidenti. In Danimarca esistono pietre tonde al cui interno si sono staccate dalla massa sferica minuscole particelle che rotolano al suo interno. Tali pietre da scuotere portano oltremodo fortuna e raccontano storie interessanti.

La forma sferica è così perfetta da non porre impedimenti al suo cammino ne nessun ostacolo allo spirito, a questo motivo molte pietre sono lavorate in questa forma per aiutare durante la meditazione e la concentrazione. Negli antichi rituali una pietra tonda sta al centro del cerchio e funge da catalizzatore energetico. Ancora oggi tra gli indiani del sud e del nord America e tra alcune tribù africane, le pietre forate sono particolarmente venerate. Le grandi pietre forate aiutano nei rituali di scioglimento: per sette o nove volte si striscia dentro per liberarsi di qualcosa. Piccole pietre forate sono utilizzate come amuleti, ecco perché possono aiutare contro l’angustia di spiriti maligni e contro gli incubi. Ogni pietra per ognuno può avere una forma e quindi un significato diverso, il valore è quello che gli si attribuisce.

— Arconte

È vietata la copia dei testi senza citarne la fonte (link) o previo consenso dell’autore. Usa i tasti di condivisione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...