La notte di Santa Valpurga: notte di magia tra folklore e superstizione.

Come non parlare della grande notte di Valpurga. Secondo alcune antiche tradizioni germaniche, la notte che precede la fine di aprile e il primo di Maggio si ritiene il Sabbat più grande della storia della stregoneria, dove si riunivano tutte le streghe e diavoli del mondo presso le pendici del Monte Brocken, per ballare e danzare in atti orgiastici e impudici.

Il primo di Maggio corrisponde all’ inizio della bella stagione, si entra nel pieno dell’esuberanza primaverile, feconda come Venere che regge il segno del Toro. È un tempo magico molto potente in quanto la soglia fra i due mondi diventa più sottile e si procede in tutte quelle operazioni magiche atte all’accrescimento, alla protezione e alla purificazione. La Chiesa trovava molto difficile estirpare questa antica usanza pagana dalle festività di Maggio. Nacque così la leggenda di Santa Valpurga, in questa notte Oscura le streghe erano solite ballare e danzare strofinarsi le ceneri del grande fuoco sui loro corpi in segno di devozione e per purificarsi da qualsiasi fattura fosse stata fatta loro. Divenne così la Santa protettrice delle streghe. La leggenda vuole che dalla tomba di questa Lamia sgorgasse un olio nero come la pece che aveva la capacità di curare qualsiasi infermità delle streghe, (l’olio di Santa Valpurga) ma soprattutto di eliminare entità malevoli dalle loro abitazioni.

Alcune tradizioni.

— Anticamente si credeva che restare seduti dentro un cerchio di candele nere durante questa festività, o camminare al rovescio avrebbe permesso di vedere le streghe danzare.

— Nascondere in un campo di grano tre monete di rame è dormirci sopra avrebbe dato protezione è abbondanza.

Di giorno si partecipava alle normali attività liturgiche, mentre di notte, è nei giorni a seguire si teneva per le streghe dei raduni dalle tonalità erotiche e sessuali. Le danze attorno ai pali come simbologia di accoppiamento tra la Dea è il Dio, Propiziando la fertilità agli spiriti della terra.

— Arconte

È vietata la copia dei testi senza citarne la fonte (link) o previo consenso dell’autore. Usa i tasti di condivisione.

Annunci

Una risposta a "La notte di Santa Valpurga: notte di magia tra folklore e superstizione."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...