La Mandragora.

La leggenda di questa meravigliosa è potentissima pianta dalle ricche proprietà anestetiche narra che nei tempi più bui della  grande caccia alle streghe, nasceva tramite una goccia di sperma che coagulata via dal membro di un impiccato si miscelasse al terreno sottostante e dasse vita a questa strana pianta le cui radici antropomorfe hanno dato vita a moltissime storie e leggende. La pianta era molto utilizzata dalle antiche streghe per creare pozioni spesso amorose derivate dalla forte virtù afrodisiaca della pianta, tra le svariate leggende le più singolari e famose narrano che dal momento in cui si sentisse l’urlo della mandragora l’uditore fosse condannato a morte certa entro poche ore…un altra che tramite un magico unguento estratto da essa potesse trasformare gli uomini in animali, probabilmente enfatizzata dal fatto che la pianta veniva considerata una creatura a metà tra il mondo animale e quello vegetale.
Le parti utilizzate sono le bacche è la radice, che può essere ricondotta ad alcune usanze Voodoo nelle quali era utilizzata come surrogato delle più famose bambole di cera. È considerata una pianta magica anche dalla moderna stregoneria, in particolare nei giorni di plenilunio. La pianta cresce spesso nelle zone umide e in terreni particolarmente argillosi, in primavera la radice raggiunge la famosa forma antropomorfica. Considerata un ingrediente essenziale dalle streghe la pianta è utilizzata nella medicina antica di alcune popolazioni per curarne la sterilità. Nell’ antica tradizione della stregoneria, si era elaborato un complesso cerimoniale per estirpare la radice, che prevedeva l’uso di un grosso cane nero, perché la leggenda narrava che nel momento dell’estirpazione la Mandragora emettesse un urlo capace di far impazzire o persino uccidere. l rituale prevedeva di tapparsi le orecchie con la cera di una candela nera, quindi tracciare la pianta con un cerchio magico e legarla con una fune ad un cane nero; la strega avrebbe dovuto far correre il cane in modo da poter sradicare completamente la radice. Nel momento in cui la Mandragora fosse uscita completamente dal terreno il cane sarebbe morto. Il cerimoniale andava compiuto la notte tra venerdì e sabato, accompagnato da litanie.

La protezione offerta dalla mandragora officinaru:

– Alcuni ritengono che gli spiriti disincarnati non vivano vicino alla mandragola e quindi la sua radice è bruciata come Incenso per esorcismi. Il fumo generatosi viene soffiato verso il corpo della persona malata per allontanare gli spiriti malvagi ed entità.

– Posta sul camino dona alla casa protezione, appesa alla testata del letto protegge durante il sonno, portata addosso attira l’amore e allontana le malattie.

La Mandragora un potente anestetico.

La Mandragora era ritenuta sin dal II secolo a.C. un rimedio per attenuare dolore, provocare il sonno, e quindi anestetizzare. Nel Medioevo era usata come anestetico nella medicina. S’inzuppava con succo di Mandragora una spugna appoggiandola poi sulle narici del paziente fino a che non si fosse addormentato (in seguito lo si risvegliava facendogli respirare dell’aceto). Questa pianta contiene potenti alcaloidi che possono far aumentare le pulsazioni cardiache, producono effetti di eccitazione psicomotoria e psichica, allucinazioni, manifestazioni di riso convulso e stati deliranti.

La Mandragora, denaro e fortuna.

In passato l’elevato costo della mandragola, (nel 1690 una radice costava lo stipendio annuale di un artigiano) aveva generato la prassi di accusare persone, arricchitesi velocemente, di possedere una mandragora.
Posta in un recipiente con delle monete, ne decuplicava in un giorno il valore. Con la sua polvere o le foglie seccate durante la luna di maggio si preparavano talismani e amuleti per procurare amore e ricchezza. 

— Arconte

È vietata la copia dei testi senza citarne la fonte (link) o previo consenso dell’autore. Usa i tasti di condivisione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...