Le Amazzoni, il popolo delle donne guerriere.

Le Amazzoni, il popolo di donne discendenti, secondo il mito, da Ares, il dio della guerra, e dalla ninfa Armonia, abitavano sulle pendici del Caucaso o, secondo altre versioni, in Scizia oppure in Tracia.
Le Amazzoni si governavano autonomamente e non tolleravano la presenza di uomini se non per lavori umili, tenuti in condizioni di schiavitù e addirittura, per inibire eventuali progetti di ammutinamento, ne storpiavano gli arti al fine di impedire loro l’uso delle armi.

Esse si univano con stranieri solo per perpetuare la loro stirpe, ma mantenevano in vita solo le femmine, addestrate fin dall’infanzia alla caccia e alla guerra. Per meglio usare l’arco si sottoponevano alla cauterizzazione del seno destro (infatti, secondo l’etimologia, a-mazòs significa «senza seno»).

La tradizione ci ha tramandato il nome di due regine famose: Ippolita, che compare nelle narrazioni dei miti di Eracle dal quale venne uccisa, e Pentesilea, che guidò un contingente di Amazzoni in aiuto di Priamo e di Troia. Qui si distinse per numerose imprese, ma venne abbattuta da Achille che la ferì al seno destro. L’esito del duello fu imprevisto: l’ultimo sguardo dell’eroina morente fece innamorare Achille, rimasto folgorato dalla sua bellezza.

La loro passione era la guerra, nella quale le Amazzoni combattevano agli ordini della loro regina. Il mito narra di una Amazzonomachìa (battaglia delle Amazzoni) combattuta sotto le mura dell’Acropoli di Atene tra il re Teseo e le Amazzoni.

Il mito racconta che Teseo, divenuto dopo la morte del padre re di Atene, dopo qualche tempo fu nuovamente preso dalla smania delle avventure. Pensò a una spedizione contro le Amazzoni. Ma, con grande sorpresa, questo popolo di donne guerriere, anziché muovergli guerra, lo colmò di doni. Teseo, col pretesto di ricambiare la cortesia, invitò le più belle e giovani Amazzoni a visitare la sua nave, ma appena esse furono a bordo, levò le ancore, spiegò le vele e partì, facendo le donne tutte sue prigioniere. Tra esse c’era la bellisssima Antiope, della quale Teseo si innamorò. Qualche tempo dopo, le Amazzoni, per vendicare le compagne, invasero l’Attica e assediarono Atene. La guerra fu lunga e durò parecchi anni. Durante una battaglia la fedele Antiope morì combattendo a fianco del marito. Fatta finalmente la pace, le Amazzoni tornarono al proprio paese.

Secondo il mito le Amazzoni si ponevano sotto la protezione di Artemide, dea della caccia, e, tramite questa, erano accostate alle divinità della terra, anche perché apportatrici di morte.

— Arconte

È vietata la copia dei testi senza citarne la fonte (link) o previo consenso dell’autore. Usa i tasti di condivisione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...